Chi siamo

Istituto per la ricerca scientifica e tecnologica nello sport

i-STAR nasce come strumento per valorizzare dal punto di vista scientifico e tecnologico gli investimenti fatti negli ultimi 10 anni nella nostra Università sul tema dello sport e dello sport tech, poggiando sulla rete di partnership e contatti creata non solo con altre università e centri di ricerca, ma anche con enti e federazioni sportive nazionali e internazionali e con la community della sport industry.

i-STAR si propone di creare un portale tematico attraverso cui tecnologie e competenze già presenti nei Dipartimenti aderenti possono essere presentate in modo sistematico alla community dello sport. Sarà un soggetto che darà vita ad attività di fund raising e di partnership con altri stakeholders istituzionali e di mercato. Sarà inoltre protagonista e soggetto d'ispirazione per la creazione di startup e spin-off universitari nell'ambito sport-tech.

 

Background

A partire dal 2011, sono stati ottenuti importanti risultati che hanno posto il nostro Ateneo in posizione di leadership sul tema dello sport universitario in Italia e lo hanno ben posizionato anche a livello europeo.

 

Sport-Tech: opportunità

A livello internazionale, il settore dello sport è uno dei settori attualmente più dinamici in termini di investimenti in ricerca e innovazione (cfr. https://www.startupbusiness.it/megatrends-startups-and-innovation-in-the-european-sports-tech-ecosystem/100762/ per i principali riferimenti internazionali).

La ricerca e l’innovazione si stano concentrando sui seguenti ambiti:

Per queste (e altre) ragioni non sorprende che la Commissione Europea abbia deciso di raddoppiare i fondi dedicati ai progetti nel settore sportivo e che gli investimenti in sport tech siano aumentati del 27% tra il 2017 e il 2018, arrivando a più di 360 milioni di Euro solo in Europa (fonte: https://sportstechx.com/estr/).

A questi fattori generali si aggiunge un’opportunità specifica, ovvero le Olimpiadi Milano-Cortina 2026. Il Trentino infatti ospiterà un elevato numero di competizioni (quasi il 30% del totale) e questo richiederà di investire in diverse direzioni. Le Olimpiadi potrebbero essere quindi un importante trampolino di lancio per l’Istituto, che potrebbe proporsi come interlocutore autorevole del Comitato Organizzatore.

Istituto per la ricerca scientifica e tecnologica nello sport
filippo.bazzanella@unitn.it